Like a box, exploded.

The end of October 2013 was a time of many journeys.
To Villa Cernigliaro, a place of tall light-filled windows, rich silence, and walls that, over the decades, had overheard countless literary conversations. Perfectly befitting Carter, a three-day workshop organised by and for professional literary translators.
What, I wondered, would I have to do?
As the invited guest author, perhaps I’d find myself in a precarious position, both inside and out, keen to contribute yet careful not to intrude. I’d never before been privy to the process of translation, and didn’t quite know what to expect.
The first evening was a welcoming – we made our introductions, touching briefly on the texts to work on. A laying out, by Susanna and Rossella, of the hopes and ambitions behind Carter. There were veterans there, and others for whom the workshop was a first. We nibbled on chocolate chestnuts. Someone placed an apple in the centre of the table for good luck. Then we dispersed for dinner and wine.

The next few days can only be described as revelatory.

We began with a short piece I’d written in 2007, ‘This is not the Story’, at a point when I was feeling particularly uninspired about writing – my own and others around me. (It might have had something to do with the fact that I was stuck in a nine to five job, wondering whether I’d ever ‘become’ a writer.) I picked certain tropes – the outsider, the stranger, the angry protagonist – the ones present in many of the books I loved and felt were missing from my literary life, and turned them into a void, a ‘non-story.’ It was fascinating to watch how the translators picked up on the voices within the piece, the various texts conversing with each other. Cristina related it to Magritte’s painting This is not a pipe – a connection I hadn’t thought of but it could be illuminating.

Next, we moved on to the first few sections of my novel Seahorse, that had seen recent major revisions. A week before the workshop, I sent Gioia an email – “Darling, please don’t yell at me! Could we use these pages for Carter (and not the ones I sent you earlier??).” She was all too kind, saying “this is magic. Because one of Susanna’s idea was to study how the text had changed.”
And changed it had. A lot.
Which the group of translators found fascinating because, as they explained, translating largely involves working out authorial intention. Why this word, and not another? Why has ‘whore’ changed to ‘prostitute’ in the next draft?
Since the narrative voice was now first person, it threw up the issue of gender – something I’d given little thought to while rewriting Seahorse. English is a language bereft of gender, its inflections and grammar giving away little or nothing at all of the narrator’s sex. Yet Italian, constructed intricately from feminine and masculine words, would notice its appearance and disappearance. We discussed ways to keep gender secret, ways for it to be slowly revealed.
Sitting in that room in Villa Cernigliaro, in my corner, watching the group at work around the tables in the centre, brought to mind Cornelia Parker’s artwork Cold Dark Matter: An Exploded View. The installation captured a garden shed, suspended in the air, at the moment of it being exploded.

cold-dark-matter-1991

“[T]he shed functions as a place of refuge, a safe place, a place for secrets and fantasy. By blowing up the shed Parker is taking away such a place, throwing doubt on all it represents. Its contents are revealed, damaged in the process and yet somehow more eloquent. We get an ‘exploded view’ which creates a vast new space for our own mental activity.”

Pieced back together, Seahorse, I feel, reads all the better for having been dismantled by you all.

What I found more difficult was having to explain my poetry.
Not in the sense that I wasn’t keen to, but simply that, most of the time, I couldn’t. Here, lines lead their own lives much more than they do in prose, and it’s evidence of the translators great and tremendous skills, what they accomplished despite my hesitant mumblings, awkward explanations, and (often) unhelpful responses (such as ‘Sort of, I think.’)

By the end of the workshop, I knew that what I’d learned about translation, was merely the beginning. For some it’s a puzzle, a way of fitting words together. The understanding of not just a language, but an entire worldview. A box, constantly unfolding, enlarging, replete with hidden rooms and secrets. A process that spills over outside the work space, into dining rooms and garden walks, and long meal-time conversations. And, as I mentioned before our farewells, it’s an act of empathy. Of being able to place yourself into other lives. Such a generous, life-affirming gift.
Thanks to you all, I look at language with fresh eyes.

Janice Pariat

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Individual and group creativity at (Mrs) Carter’s

DSCN1248We are often confronted with the question as whether the profession of literary translator is a creative one. Not only did last week’s Carter workshop prove that it definitely is. It also showed the difference there can be between individual creativity and group creativity.

This year’s guest author was the very talented Janice Pariat, writer of both fiction and poetry. And while a few of us worked on the first chapter of her new novel, the rest started to compare their versions of some of her poems.

When comparing their versions of Greenwich, different translators had very different interpretations. Someone was in Greenwich less than a month ago, and her interpretation of the poem was inevitably influenced by her recent experience. Someone else had just read Janice’s collection of short stories – one of which told a story that was set in Greenwich – and saw a connection between the short story and the poem. Her interpretation of the poem was thus inevitably influenced by these earlier readings.

Furthermore, since this was a very strong poem about love and a struggle for truth, previous life experiences inevitably ended up in personal identifications with the poem itself. Interestingly, although very intrigued by each other’s interpretations and inevitably questioning our own, we all stuck to our first impressions. Our creative process had been a very personal one and, upon reflection, it looked like there was an internal cohesion to the poem that only one person could endorse. Unlike what seemed to happen in prose, in poetry it looked like only one voice could represent a poem so it could be stylistically consistent. Two more people created two more different (and both amazing!) versions of this poem. The four versions eventually merged into a breath-taking canon, almost a prayer.

The other experience in translating poetry was with Janice Pariat’s The Saint of Lost Things, a poem about the meaning of life, loss and grief. The group of people working on the poem changed, and all of a sudden a common version seemed very easy to find. The group analysed and discussed the poem line by line, asking Janice for precious explanations concerning words, images, lines, sentences. She was so kind as to give us all the assistance we asked for, and we found a solution to all our questions. Our personal worlds and imageries seemed to merge into a new, group creativity, allowing us to find one version we all agreed about. Someone else eventually joined the group with one more, very different version we all loved, once again restating the viewpoint of individual creativity.

The difference between the two themes and the coming together of different groups were crucial to a different creative experience altogether. However, both the four different powerful versions of Greenwich, on one hand, and the secure, solid translation of The Saint of Lost Things, on the other, will be lingering memories for all of us.

Cristina Vezzaro

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Se

Ho di recente assistito a un reading  nel corso del quale la poetessa canadese Anne Carson dissodava i cervelli del pubblico utilizzando un elenco di protasi senza concluderle mai in apodosi. Ladra di parole e di grammatiche del ragionamento, ho pensato di proporvi questa serie di periodi ipotetici sospesi. Volevo riflettere insieme a voi su che cosa, nel nostro mestiere, possa modificare il modo con cui ci avviciniamo a un testo e cominciamo a tradurre. Naturalmente questo non è che l’inizio di un possibile, interminabile elenco. Perché, come spiega Janice Pariat, “we are shaped by absence”.

Susanna Basso

DSCN1217

SE

Se avessi ricevuto un solo testo da tradurre anziché tre incipit dello stesso romanzo

Se quello che hai ricevuto fosse l’epilogo del romanzo

Se fosse un’opera prima

Se avessi già tradotto altri scritti dello stesso autore

Se non sapessi che l’autore sarà presente al seminario

Se dovessi tradurre questo testo da solo

Se ti pagassero 30euro nette a cartella

Se fosse una prova di traduzione

Se, per ragioni di urgenza, fossi costretto a co-tradurre questo romanzo

Se, per ragioni tue, decidessi di co-tradurre questo romanzo

Se fossi lasciato libero di scegliere quale dei tre incipit utilizzare

Se sapessi che non ci sarà revisione

Se fossi infelice/felice (l’ordine delle ipotesi è dovuto alla maggiore possibilità di immaginare la propria reazione consapevole alla prima delle due condizioni)

Se non fossi mai stato a Delhi

Se la traduzione di questo romanzo fosse una tua proposta

Se conoscessi personalmente Janice Pariat e la frequentassi da anni

Se non avessi una scadenza per la consegna

Se potessi rivolgere all’autore un’unica domanda prima di incominciare

Se avessi deciso di utilizzare questo testo per un seminario di traduzione

Se dovessi definire questa scrittura in termini sintattici, grammaticali e lessicali

Se questo fosse il testo su cui lavorerai al seminario di Mrs Carter

Se…

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Carter 2013 – 8a edizione

Cari colleghi

dopo una serie di telefonate e un piacevole sopralluogo, Carter riparte da un luogo che ci ha affascinato e colpito e che forse alcuni di voi hanno già ammirato (ancora in incognito) sulla nostra pagina Facebook: Villa Cernigliaro, uno dei Parchi Letterari d’Italia, a Sordevolo in provincia di Biella.

villa

Durante il regime fascista la villa ospitò intellettuali e scrittori italiani come Franco Antonicelli, Norberto Bobbio, Leone Ginzburg, Benedetto Croce, Luigi Einaudi e Carlo Frassinelli.Pavese_Ginzburg_Antonicelli_Frassinelli

La proprietaria della villa ne custodisce con amore le memorie ed è instancabile organizzatrice di seminari, vernissage, workshop ed eventi culturali: ci è sembrato l’ambiente perfetto per questa edizione così speciale di Carter. La villa è arredata con mobili e suppellettili d’epoca ma ospita anche opere di artisti di movimenti e avanguardie (come il lettrismo) e tracce degli ospiti precedenti, tra cui Lawrence Ferlinghetti.

Abbiamo anche l’ospite: sarà con noi Janice Pariat, giovane scrittrice di origine indiana e autrice di short stories, ora al suo primo romanzo (per Vintage Books, Random House, India). Janice ha un legame particolare con il nostro paese: ha sposato un italiano e non vede l’ora di unirsi al nostro gruppo! janice

Le date: ci vedremo tra il 31 ottobre e il 3 novembre 2013 a Sordevolo (Biella).

La stazione più comoda è Biella, a seconda di chi parteciperà cercheremo di organizzare i trasporti. Sordevolo si trova a circa 10 km da Biella.

Grazie alla Fondation Jan Michalski, che ci ha offerto un sostegno economico (e l’onore di prenderci in considerazione), quest’anno possiamo offrire questa maratona di tre giorni a 200 euro, che comprendono: 3 notti alla Villa in camera doppia, i pasti (dalla cena di giovedì 31 al pranzo di domenica 3), i coffee break e ovviamente la partecipazione al seminario.

Come al solito ci accompagneranno le amiche e colleghe Rossella Bernascone e Susanna Basso (mai più senza!).

Attendiamo i CV dei colleghi professionisti che traducono narrativa dall’inglese all’italiano, agli indirizzi ada.arduini@gmail.com e gioia.guerzoni@gmail.com

La deadline per inviare i CV è il 31 luglio, nei primi giorni di agosto comunicheremo i nomi dei colleghi selezionati sulle pagine del blog e sulla nostra pagina Facebook (alla quale vi invitiamo a iscrivervi).

Vi ringraziamo per la pazienza di avere atteso la reincarnazione di Carter e aspettiamo i vostri CV per un’altra avventura insieme.

Get Carter!

a presto

Gioia & Ada

Lascia un commento

Archiviato in Seminari

Carter 2013 – 8a edizione

Cari colleghi,
abbiamo il piacere di annunciare l’ottava edizione di Carter, che quest’anno avrà il generoso sostegno della Fondation Jan Michalski pour l’écriture et la littérature.
Le date stabilite sono 31 ottobre – 3 novembre, luogo e autore ospite in via di definizione.
Sempre con Susanna Basso e Rossella Bernascone a farci da guida.
Lavoro duro e divertimento assicurato. ;)
Grazie anche a Francesca Novajra e Giovanna Scocchera che, oltre ad aver scovato il bando, ci hanno aiutato in varie mansioni organizzative.
Se volete mandare il CV potete iniziare a farlo.

ada.arduini@gmail.com, gioia.guerzoni@gmail.com

Ricordiamo che Carter non è un corso/stage e non è per studenti,
ma un incontro di formazione, discussione e scambio per traduttori letterari professionisti che abbiano alle spalle parecchi libri tradotti (un paio non bastano).
Chi avesse già partecipato alle edizioni precedenti è ben accetto,
anche se ovviamente daremo la precedenza ai nuovi iscritti.

Get Carter!

Lascia un commento

Archiviato in Seminari

Carter 2011: paesaggio con carteristi

 


Landscape

 

Carter a ferro di cavallo.

Cristina e Stephen in mezzo, stretti

quasi schiacciati dalle interpretazioni

come a scusarsi dell’eccesso di

senso

che non si coagulasse senza un ritmo.

Intorno noi, eager to be scared.

Laura sguardo d’aquila, sorriso da bambina scettica,

Gioia, nero concentrato di memoria, da cui sgorga una

lingua come piace a me.

Luca timido, sereno, pietra del linguaggio,

sicuro e unico come un vecchio scoglio.

Luisa, occhio di tutti,

Isa e Giovanni in macchina, alla ricerca perenne

di droghe legali a mitigare l’esattezza.

Antonio silenzioso, in piedi tra le schegge

di lingua, dubbi oggetti rimanenze.

Cristina calda, Fiamma onnipresente, Lucia,

smemoratezza per incanto, e Manuela dritta

contro la forza di gravità della bellezza.

E poi Susanna

quanto, elettrone, onda

che smuove energia, sposta lo sguardo

pone problemi, fa scattare soluzioni,

e Ada, e Rossella, sorriso da stregatto,

a tenerci insieme, forze di coesione.

Finché di colpo

cambia la temperatura del linguaggio

e il senso nasce dal suo stesso suono.

Castelnuovo Magra, agosto 2011

Daniele P

1 Commento

Archiviato in Seminari

Carter 2011 – 7a edizione: un video di Michael Watts

Un video di Michael Watts: Un percorso di radici e memoria attraverso la poesia di mio padre e il nostro viaggio al paese di origine della famiglia nell’Italia del nord.

A video by Michael Watts: An exploration into roots and memory through my father’s poetry and our journey to the village of our forefathers in northern Italy.

mikeywattsfilm@gmail.com

Lascia un commento

Archiviato in Seminari

Carter 2011 – 7a edizione: incontro con Stephen Watts e Cristina Viti

Anche quest’anno dal 25 al 28 agosto 2011 ci ospiterà l’agriturismo Cascina dei Peri a Castelnuovo Magra in provincia di La Spezia.
Incontreremo lo scrittore e poeta inglese Stephen Watts e la sua traduttrice italiana Cristina Viti.

Stephen Watts è nato a Londra nel 1952 da padre inglese e madre camuna. All’inizio degli anni Settanta ha lavorato come pastore sull’isola di North Uist nelle Ebridi, e dal 1976 vive a Whitechapel nell’East End di Londra. Ha pubblicato quattro libri di poesie (The Lava’s Curl, Gramsci & Caruso, The Blue Bag, Mountain Language/Lingua di montagna), alcune delle quali tradotte in italiano, sloveno, ceco, persiano, spagnolo, finlandese e arabo, e curato diverse antologie (Houses & Fish, un libro di disegni con testi scritti dai bambini; Voices of Conscience, una raccolta internazionale di liriche scritte da poeti sotto censura; Mother Tongues, un numero speciale del periodico Modern Poetry in Translation; Music While Drowning, un’antologia di poesia espressionista tedesca). Tra le traduzioni pubblicate, Modern Kurdish Poetry (Endangered Languages and Cultures, Università di Uppsala), Six Slovenian Poets (Arc Publications 2006), All My Young Years, poesie di Avrom Stencl (Five Leaves 2007), Sonata For Four Hands, poesie di Amarjit Chandan e Ljubljana, poesie di Meta Kušar (entrambe edite da Arc 2010); tra i lavori in preparazione, una nuova edizione ampliata dell’antologia Mother Tongues e la pubblicazione in rete della sua bibliografia completa della poesia moderna in traduzione inglese. Ha partecipato a numerosi festival internazionali di letteratura e lavorato molto nei programmi di scrittura di scuole e ospedali; ha creato con la HI-Arts di Inverness un progetto incentrato su questioni di suicidio e sopravvivenza, e gestito per dieci anni il Multicultural Arts Consortium di Londra; in collaborazione con suo figlio Michael ha realizzato una poesia-video ambientata nella memoria fratturata delle Alpi italiane.

Stephen Watts is a poet, editor & translator, with family roots in the Italian Alps. He lives in Whitechapel, UK. He twice won second prize in the National Poetry Competition (1983 & 1992). Recent books of his own work include ‘Gramsci & Caruso’ (Periplum 2004), ‘The Blue Bag’ (Aark Arts 2005), ‘Mountain Language/Lingua di montagna’ (Hearing Eye 2009), ‘The Language Of It’ (HI-Arts DVD 2007) & a video-poem ‘Journey To My Father’ (2009). He also edited Amarjit Chandan’s ‘Sonata For Four Hands’ (Arc Publications 2010) & has co-translated poetry by A. N. Stencl (Five Leaves 2007), Ziba Karbassi (EWI 2009), Adnan al-Sayegh (EWI 2009) & Meta Kušar (Arc Publications 2010). He’s worked extensively as a poet in schools & hospitals in East London & in 2006 worked with HI-Arts in Inverness on social issues of suicide & survival. In 2007 he was awarded a major three year Arts Council grant for his writing & research & at present is completing a new edition of ‘Mother Tongues’ (Bloodaxe Books, due 2012) which anthologises some of the many fine poets in the UK who write in languages other than English & is completing an extensive online worldwide bibliography of modern poetry in English translation. This latter is a major piece of research. He has also been involved in translation issues at a local level in Tower Hamlets over many years & helped co-ordinate MAC (Multicultural Arts Consortium) there from 1996-2006. He was on the Advisory Panel of BCLT (1996-2000), English PEN’s ‘WITr’ Committee (2006-2010) & a Trustee of the Poetry School (2005-2010). With Cristina Viti he is co-translating Reza Baraheni’s ‘Lilith’ and other works from Persian & Italian. He is a strong performer of his own poetry & has recently read at festivals in Syria, Sicily, San Francisco & in the UK at Ledbury, Snape, & forthcoming at Glastonbury.

Cristina Viti è una poeta e traduttrice italiana che vive e lavora a Londra.
Tra gli autori tradotti dall’italiano Dino Campana (Survivors’ Press), Eros Alesi, Elsa Morante, Amelia Rosselli (Modern Poetry In Translation, Shearsman), Ubax Cristina Ali Farah (Wasafiri); dall’inglese il poeta contemporaneo Stephen Watts (Manni Editori, Hearing Eye Press). Tra i lavori in preparazione la versione inglese del libro di Tahar Lamri I sessanta nomi dell’amore e una nuova edizione dei Canti Orfici (Waterloo Press)

Quota di partecipazione: 380 euro, che comprendono vitto e alloggio in doppia, oltre a circa 25 ore di lavoro sul testo, con la guida di Susanna Basso e Rossella Bernascone; è inoltre disponibile una camera tripla a un prezzo un po’ inferiore.
Chi è interessato a candidarsi, contatti ada.arduini@gmail.com e gioia.guerzoni@gmail.com, inviando un cv aggiornato.
Tra una quindicina di giorni verranno selezionati i nominativi dei partecipanti, che ne riceveranno comunicazione.
Numero posti disponibili: 11

2 commenti

Archiviato in Seminari

Ritratto di Rossella (con Carter)

Un ritratto di Rossella Bernascone, ospite del blog Brainfood, in cui si parla di traduzione e, ça va sans dire, di Carter.

“G: Mi parleresti di Mrs Carter?

R: È un’altra esperienza bellissima! È nata alcuni anni fa da un’idea di Ada Arduini e Gioia Guerzoni. Abbiamo informalmente costituito, insieme a Susanna Basso, un quartetto che ogni anno organizza un seminario autogestito per traduttori professionisti. Per tre o quattro giorni si lavora insieme a un autore inedito in Italia su un suo testo, gomito a gomito. È un lusso sfrenato per noi traduttori essere in compagnia di ottimi colleghi e dell’autore e avere il tempo di sviscerare e confrontare ogni scelta. Ne usciamo sempre rivitalizzati!”

Grazie, Ross!

2 commenti

Archiviato in Notizie

Carter 2010: 6a edizione

Partecipanti di quest’anno: Ada Arduini, Carla Palmieri, Caterina Barboni, Caterina Sinibaldi, Francesca Novajra, Gioia Guerzoni, Giovanna Scocchera, Giovanni Zucca, Leonardo Marcello Pignataro, Luca Guerneri, Lucia Olivieri, Paola Ghigo, Rossella Bernascone, Stefano Zolli.

Quest’anno Carter ha battuto molti sentieri nuovi: nuovo spazio, nuovo nome, nuovi panorami, nuovi compagni di viaggio (ma sono tornati anche alcuni Carter-veterani, perché i punti fermi servono), nuova formula (al timone la sola Rossella Bernascone, una e trina nelle vesti di traduttrice, teorica della traduzione e studiosa di psicosintesi). Ma soprattutto abbiamo azzardato un esperimento trans-linguistico: tradurre una traduzione, alla presenza di autore e traduttore.

Caryl Lewis è arrivata a Carter insieme alla sua traduttrice Gwen Davies con grandissima fiducia, senza sapere esattamente cosa aspettarsi dal seminario, quasi incredula dell’informalità a cui sono improntati i lavori dei nostri fine settimana. Durante gli incontri, abbiamo scoperto che per il romanzo di cui avevamo affrontato due capitoli Gwen aveva svolto un ruolo molto più invasivo e meno “invisibile” di quanto ci si aspetterebbe da un traduttore nella sua declinazione italiana. Gwen aveva tradotto ma anche marcatamente editato il testo, cercando così di rendere la traduzione inglese di Y Gemydd più appetibile e comprensibile al pubblico britannico e anglofono. I partecipanti a Carter hanno così avuto l’opportunità di mettere in luce, con l’aiuto di Caryl e Gwen, le diverse stratificazioni del testo e di confrontarsi con una traduttrice che non aveva semplicemente traghettato il testo nella lingua inglese, ma che l’aveva modellato e limato in base alla sua esperienza di editore ed editor presso diverse case editrici e riviste letterarie: un’esperienza che le ha insegnato ad asciugare i testi e a non considerare intoccabili le pagine degli scrittori, con cui invece cerca di stabilire un rapporto costruttivo e dialogico. Questo è stato molto chiaro nella dinamica che ha stabilito con Caryl durante i nostri incontri: in un continuo scambio di opinioni, di sguardi d’intesa e di cenni d’assenso Caryl e Gwen ci sono apparse sullo stesso piano, dal punto di vista autoriale, impegnate in una collaborazione letteraria molto stretta e personale. Ci siamo resi conto che il lavoro di revisione sul testo di partenza è stato complesso, articolato e denso di scelte difficili, quanto lo è generalmente il lavoro di traduzione che in qualità di professionisti affrontiamo sul testo.

Probabilmente siamo stati fortunati: non tutti i traduttori hanno la possibilità di costruire un rapporto così stretto e fruttuoso con l’autore, anzi, sono davvero pochissimi quelli che ci riescono;  ma forse  è un ulteriore esempio di quanto la collaborazione tra modi di sentire, di pensare  – e di scrivere – affini, possa davvero arricchire il testo. Un moto circolare che va dall’autore al testo, dal testo al traduttore, dal traduttore all’autore, e infine dal traduttore al testo finale. La parola, dopo questo lungo percorso mentale, si siede sul foglio. Più bella, più adatta, più “comoda”. Grazie alle persone che l’hanno fatta viaggiare. Proprio come succede tutti gli anni chez Carter.

7 commenti

Archiviato in Seminari